Partorire all’ospedale di Macerata: nuovi pareri e consigli

Riporto dalla pagina facebook Mamme Marchigiane, le opinioni di chi ha scelto di partorire all’Ospedale di Macerata, espressi dalle mamme che sono intervenute nel social network.

Pareri che si riferiscono al 2017 e ai primi mesi del 2018, che vanno ad aggiornare i post già presenti nel sito al riguardo e ormai un po’ datati.

Come tutti i post di questo tipo, l’articolo rappresenta un work in progress che si arricchirà nel tempo grazie a chi vorrà aggiungere il suo commento in fondo, contribuendo a creare un ottimo spunto informativo per tutte le mamme che ne avranno bisogno.

Ogni opinione rappresenta il parere arbitrario di un utente del sito.

mammemarchigiane.it declina ogni responsabilità e non garantisce la certezza e l’affidabilità delle informazioni.

Per vedere tutti gli altri post di questo genere, vai alla sezione: I consigli delle mamme

 

manine neonato Partorire al'l'ospedale di Macerata

********

Partorire all’ Ospedale di Macerata: com’è?

>> Eleonora: Io ho partorito a Macerata due volte.

Il reparto è spesso affollato, ma fanno di tutto per gestire il travaglio in modo intimo.

Non ho richiesto l’epidurale: tanto per quando arrivi a doverla fare hai già subito il brutto del travaglio.

Personale ostetrico attento e preparato, quello medico un po’ rapido.

Disponibilità al nido pure per favorire l’attaccamento al seno.

La cosa che non mi è piaciuta è il cibo. Se puoi segui il corso preparto a Tolentino, mi sono trovata molto bene con Mara.

 

>> Chiara: Io ho partorito ad ottobre 2017 all’ ospedale di Macerata.

L’epidurale h24 credo che non fosse disponibile e da quanto capito non lo è tuttora.  Comunque mi sono trovata benissimo.

Le ostetriche sono gentilissime e cordiali. Ti fanno sentire a casa.

Io il travaglio l’ho vissuto tutto e non è stato piacevole . Però ogni esperienza è a sé.

Non credere che se fai l’epidurale non soffri. Magari sei fortunata e fai un travaglio veloce. Insomma non partire prevenuta.

 

>> Veronica: a Macerata non è disponibile l’epidurale h24, almeno non lo era a giugno 2017, neanche se la richiedi prima (io lo chiesi al ginecologo alla prima visita).

Io ho fatto due parti a Macerata e posso dire che dipende come capirti e con chi.

Se succede che ci siano altre donne a partorire ti ritrovi in sala travaglio insieme: purtroppo anche se i medici e le ostetriche sono competenti il reparto è piccolo.

Se vuoi una camera singola o fare il parto in acqua non lo puoi prenotare prima devi solo sperare che quando arrivi siano liberi.

Le ostetriche sono molto dolci e comprensive: io sembravo indiavolata, ma loro sono state bravissime!

Dopo il parto il pediatra viene subito.

Ti lasciano anche molto libera e seguono le tue richieste, se possibile.

L’unico problema a mio parere è che  il reparto è piccolo, anche se tanto, almeno per me, quando sei lì non fai caso a niente e vuoi solo che nasca al più presto!

 

>> Stefania: Io aprile 2017 a Macerata , mi sono trovata bene, parto indotto a termine, ostetriche bravissime!

 

>> Carla: io ho partorito il 20 dicembre 2017 a Macerata. Mi sono trovata bene, le due ostetriche che mi hanno seguito (una il travaglio e l’altra il parto) sono state molto gentili.

Quello è stato il mio secondo parto, anche nel 2015 ho partorito a Macerata e mi sono trovata bene!

 

>>Eleonora: Io non mi sono trovata bene: ospedale sempre sovraffollato. Mi sono sentita trattata come un numero. Fortuna qualche infermiera e ostetrica giovane che mi hanno fatto sentire più a mio agio.

 

>>Nadia: Anche io due anni fa mi sono trovata così così, ma da un anno e mezzo circa sono migliorate molte cose, poi ovviamente ci sarà sempre l’eccezione.

Io partorito a Macerata nel 2015 e il 30/12/17.

Nel 2015 mi sono trovata benino, ma nel 2017 benissimo!

Il reparto è stato molto migliorato, aumentate sale travaglio e parto, le camere hanno al max 3 letti.

L’episiotomia non è più una prassi, partorisci come vuoi, molto più rispetto e non sei un numero, le ostetriche sono molto brave e preparate sull’allattamento (solo le ostetriche però).

L’unica pecca? Ti dicono che se vuoi puoi fare il parto in acqua, ma in realtà mi sembra che non sia molto agevolato.

 

>>Silvia: Novembre 2016 (quasi 2017) a Macerata mi sono trovata benissimo.

Ostetrica dolce e giovane, non mi ha mai lasciato sola.

Monitoraggio wireless durante il travaglio: ero libera di muovermi e il bimbo era controllato.

Infine mi hanno fatto scegliere la posizione con quale mi sentivo più “comoda” per partorire.

Il bimbo aveva un piccolo problemino ai reni, già visto dalla morfologica, gli hanno fatto un check up prima di dimetterci con l’ecografia e lo hanno ricontrollato anche i giorni dopo.

 

>>Elisa: Ho partorito a Marzo 2017 a Macerata: ostetriche, infermiere, ginecologa, specializzandi super gentili e disponibili!

Hanno rispettato i miei tempi e la mia privacy durante il travaglio.

Per il parto hanno coinvolto molto anche mio marito e avevano anche acceso una lampada rilassante che emanava un leggero profumo di lavanda….Esperienza meravigliosa!

 

>>Barbara: a Macerata ho partorito il 22 gennaio 2018 e mi sono trovata molto bene.

Le ostetriche sono state fantastiche, non solo professionalmente, ma anche umanamente sono state un fantastico supporto psicologico (oltre a mio marito).

I medici sono bravi e scrupolosi, disponibili per ogni chiarimento.

Le visite non sono state mai superficiali e frettolose; per i monitoraggi non ho mai aspettato tantissimo ed è ammessa l’assistenza dei mariti alla notte.

Hanno il nido e il reparto neonatale.

 

>> Simona: Cesareo programmato il 9 dicembre 2017 a Macerata.

Di solito ti fanno presentare verso le 7 a stomaco vuoto dalla sera prima, poi fanno il monitoraggio, ti preparano per le flebo, ti mettono le calze antutrombo e quando è il tuo turno ti portano in sala operatoria.

L’anestesista nel mio caso è stata bravissima e gentilissima, mi è restata sempre vicino.

Anche l’infermiere è rimasto sempre al mio fianco e mi ha tenuto sempre la mano, non senti nessun dolore, solo fastidio e in 10 minuti vedi il bimbo.

 

>>Desirée: ho partorito ad ottobre 2017 all’ospedale di Macerata.

Il primo giorno di contrazioni me lo sono fatta in corridoio aspettando 4 ore la ginecologa che mi doveva visitare, poi mi hanno rimandato a casa.

Sono tornata dopo un’ora con contrazioni ogni 2 minuti, mi hanno ricoverato e mi hanno lasciato dalle 21 alle 4 di notte in camera con altre 2 mamme che avevano partorito la notte prima e quindi molto bisognose di riposo.

Io, in pieno travaglio, avevo bisogno di urlare e quindi mi sono rifatta ancora qualche ora in corridoio da sola con mio marito e chiusa in bagno a vomitare.

Mai vista un’ostetrica in queste ore.

Alle 4.30 mi hanno riportato in sala travaglio per fare il tracciato e dopo un’ora lì (insieme ad altre 2 ragazze) mi hanno spostato in sala parto.

Sono entrata alle 5, mia figlia è nata alle 11.

In queste ore nessun aiuto, per carità tanta pazienza da parte dell’ostetrica nel rispettare i miei tempi, ma non una parola o un gesto di conforto.

So che ci sono ostetriche brave, ma sinceramente io ho avuto un’ esperienza brutta e penso che se mi fossi sentita maggiormente appoggiata magari ci avrei messo un po’ meno di 6 ore per partorire.

Ogni tanto veniva un’altra ostetrica bravissima e tutto procedeva decisamente meglio.

Unica nota positiva il mio ginecologo molto bravo ma per il resto un incubo.

Per non parlare del reparto di neonatologia dove l’empatia non è decisamente di casa.

Avevo fatto anche il corso preparto ed ero molto entusiasta di partorire lì ma tutte le aspettative sono state deluse.

 

>>Francesca: Io credo che partorire all’ospedale di Macerata, dove spesso c’è sovraffollamento di pazienti, la confusione può essere davvero molta.

Ora parli con un ostetrica bravissima e l’attimo dopo ne viene un altra imbronciata che ti dice tutto l opposto della prima.

Però le ostetriche che ho trovato durante il parto mi sono piaciute molto specie le giovanissime, piene di entusiasmo e delicatezza.

 

>>Jane: Io ho fatto il cesareo a Macerata a maggio 2017 e mi sono trovata bene con il personale.

Unico neo: tre giorni su quattro non ho chiuso occhio perché mi hanno messo in una camera con altre tre pazienti ed era un viavai continuo di visite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.