Quando è ora di mettere l’apparecchio per i denti?

Le domande che più spesso vengono poste a noi ortodontisti sono del tipo “ dottore ma non sarà troppo presto per mettere l’apparecchio a mio figlio?”, oppure “ dottore in classe di mia figlia molti suoi compagni hanno l’apparecchio, non sarà tardi?”

In pratica la preoccupazione, giusta, di molti genitori è “quando” far iniziare una terapia ortodontica ai propri figli; è uno dei punti più importanti da decidere anche per noi specialisti, il cosiddetto “timing” del trattamento. Ovviamente le tipologie di malocclusione sono estremamente variabili, vanno valutate da caso a caso, ma per dare un contributo pratico voglio cercare di schematizzare le varie situazioni che possiamo incontrare nella nostra pratica quotidiana e cercare quindi di far capire che non esiste un’unica “ricetta cronologica magica” valida per tutti, ma al tempo stesso cercare anche di spiegare perché in certi casi si inizia prima ed in altri dopo.

Dai 4 ai 6 anni:  prima visita dall’ortodontista, eliminare le abitudini viziate (succhiamento del pollice, ciuccio se ancora “attivo”), consigli di igiene orale, terapia solo per malocclusioni selezionate (terze classi, cioè mandibole troppo avanzate con morso inverso degli incisivi), morsi aperti anteriori. Apparecchi: espansori rapidi del palato, apparecchi fissi  di terza classe, apparecchi mobili di terza classe, griglie linguali. (foto 1,2)

Foto2

Foto2

Foto1

Foto1

Dai 6 ai 9 anni: controlli periodici ogni 6 mesi, terapia solo per morsi incrociati posteriori , seconde classi molto gravi (cioè mandibole troppo arretrate con incisivi superiori  più avanzati degli inferiori di 5-6 mm o più), terze classi. Apparecchi: espansori rapidi del palato, apparecchi rimovibili o fissi di seconda classe, maschere facciali di terza classe.(foto3)

Foto3

Foto3

Dai 9 ai 10-11 anni: controlli periodici ogni 4 mesi

Dai 10-12 anni: terapia per tutte le malocclusioni in dentatura permanente, in particolare le terapie di problematiche dentali non trattate precedentemente perché non erano ancora presenti tutti i denti permanenti, fasi finali di terapie iniziate con una fase iniziale precedente. Apparecchi: apparecchi fissi, allineatori trasparenti. (foto 4,5)

Anni successivi: controlli ogni 6 mesi degli apparecchi di contenzione fissi o mobili (sono quelle procedure che si mettono in atto per mantenere i risultati ottenuti con la terapia ortodontica ed evitare recidive). (foto 6,7)

Foto5

Foto5

Foto4

Foto4

Quindi per concludere e sintetizzare al massimo possiamo dire che: fino all’età della  scuola media vanno trattate solo alcune tipologie di malocclusione, prevalentemente di carattere “scheletrico”, andando cioè a migliorare un’ alterata armonia dei rapporti tra osso mascellare (arcata superiore) e mandibola (arcata inferiore).Nel periodo della scuola media, invece, faremo prevalentemente trattamenti con apparecchiature fisse per risolvere problemi di affollamento, malposizione e disarmonia dei denti permanenti.

Foto6

Foto6

Foto7

Foto7

Carlo Zagoreo

 

*************

Mammemarchigiane.it collabora attualmente con il dentista, specialista in ortodonzia, dr. Carlo Zagoreo, che si rende disponibile gratuitamente per email a tutti i genitori che desidereranno rivolgersi a lui con domande, dubbi, curiosità relativi al suo lavoro.

Per fare domande e avere dei contatti col dott. Zagoreo attraverso il canale di mammemarchigiane.it, vai alla pagina CHIEDI AL DENTISTA

**********

STUDIO di Odontoiatria Infantile e Ortodonzia

DR. CARLO ZAGOREO, SPECIALISTA IN ORTODONZIA

Via Domenico Rossi 13 – 62100 – Macerata MC

Tel-Fax 0733 260611

Cell (Orari di Studio) 348 7118234

http://www.zagoreortodonzia.it/

carlo.zagoreo@gmail.com

www.facebook.com/zagoreortodonzia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.