San Martino nelle Marche: tradizione ed eventi

L’11 novembre, anche nelle Marche, come in altre parti d’Italia e d’Europa, è tradizione celebrare la ricorrenza della festa di San Martino di Tours a suon di castagne e vino.

Questo giorno, che in qualche modo ufficializza l’ingresso della stagione fredda, fa salire alla mente di tutti odori, colori e sapori inconfondibili: quelli delle castagne abbrustolite, dell’autunno e soprattutto del vino novello.

In Germania addirittura si considera il giorno di San Martino come l’inizio del periodo natalizio.

Sono molte le leggende legate a questo santo e i bambini sono in genere molto interessati a conoscerle.

La più famosa è senza dubbio quella che racconta di quando Martino, cavaliere di Amiens, in Francia, uscì dal suo castello e, vedendo un povero vecchio infreddolito, non esitò a tagliare in due il suo mantello e a dargliene metà.

A quel punto il sole si mise a scaldare l’aria come in estate: da qui nasce la leggenda dell’estate di San Martino.

Anche le Marche hanno le loro usanze specifiche per il giorno di San Martino, ed è davvero bello poterle tramandare ai bambini, ultimi eredi della nostra antica tradizione.

Fino a qualche decennio fa, nell’ascolano era consuetudine che ogni proprietario di una botte di vino ne offrisse da bere ai visitatori, che in quel giorno non mancavano di presentarsi, di cantina in cantina, per gustare un bicchiere insieme ad un piccolo spuntino.

Tra i campagnoli, i fidanzati erano soliti regalare alle proprie future spose arance e castagne. Le ragazze ricambiavano con pezzi di stoffa per fare camicie o vestiti.

A Grottammare, da tempo immemore, si teneva e si tiene ancora una grande fiera a cui partecipavano i paesi dell’entroterra.

Alla sera si usava chiudere la giornata con un grande banchetto, che prevedeva innumerevoli portate: maiale arrosto, salsicce alla brace, tacchino al forno ripieno di cardi, castagne arrosto e dolci di mandorle.

La lauta cena era significativa per via della funzione che si attribuiva al Santo, cioè quella di elargire abbondanza ai suoi devoti.

(Informazioni tratte da: Mario Polia, L’aratro e la barca, vol. I, p. 337)

 

Per vivere a pieno l’atmosfera tipica di questa giornata, ecco infine alcuni appuntamenti marchigiani dedicati a San Martino, a cui è possibile partecipare con tutta la famiglia:

 

Grottammare (Ap), si tiene ancora, dopo secoli, l’antica e grandissima fiera: 11 e 12 novembre 2017.

Tra le manifestazioni più importanti del suo genere nel Centro Italia, la Fiera di San Martino è ormai un’istituzione che che si rinforza di anno in anno.
Ad accogliervi ci saranno circa 400 stand con prodotti e merci di tutti i tipi: dai prodotti alimentari all’abbigliamento, dalle calzature ai casalinghi, dai produttori agricoli agli artigiani, dagli espositori agli stand gastronomici. Saranno presenti inoltre numerose associazioni che presenteranno le loro attività.

Nella giornata di sabato ci sarà la rievocazione storica del Capitano del Popolo, lo spettacolo di falconeria a cura di Giovanni Granati con quattro rapaci, le Orme del tempo che proporranno laboratori di attività mentali del ‘500.

Anche quest’anno nel Giardino comunale sarà allestita la Fattoria  didattica, con l’esposizione di molti animali: cavalli, asini, vitelli, pony, capre, pecore, maiali, conigli, galline di varie razze, tacchini e papere.

In questo modo la fiera reinterpreta le origini di mercato boario quando sulla spiaggia e nel piazzale della Chiesa di S. Pio V venivano venduti gli animali.

 

Ascoli Piceno: 11 novembre, San Martino in centro.

LABORATORIO DI RESTAURO per bambini, Chiostro di San Francesco.

Dalle 16.00 alle 19.30 il gruppo restauratori, certificati dalla sovrintendenza ABAP Marche, della Confartigianato Imprese Ap-Fm permetterà di cimentarsi con le tecniche di affresco, modellazione argilla, disegno, reintegrazione e doratura.
ESPOSIZIONE ARTIGIANI, lungo il decumano, Corso Mazzini. DEGUSTAZIONI, WINE&FOOD, presso i food WAP, aderenti all’iniziativa

 

Serrapetrona (Mc), Appassimenti aperti. Per rievocare l’antica usanza di andare di cantina in cantina ad assaggiare il vino novello torna, domenica 12 e 19 novembre, la manifestazione che celebra il gusto della Vernaccia di Serrapetrona docg e del Serrapetrona doc.
Le piazze del piccolo paese marchigiano e le cantine che danno vita all’evento ospiteranno stand e degustazioni pubbliche, in un’atmosfera che sa d’incanto.

http://www.appassimentiaperti.it/

 

Monte San Martino (Mc), Festa di San Martino. Nel paese che porta il nome del santo, dalle ore 15, vino novello e castagnata.

 

Montefano (Mc), San Martino castagne e vino, vini Accattoli, San Martino insieme nella cantina Accattoli con vino (annata 2017) e castagne.
Dalle 08 alle 12 e dalle 15 alle 19.

 

Caldarola (Mc): 12 novembre, Tra castagne e vino….FESTA DI SAN MARTINO!!
Festeggiamo insieme san Martino a Caldarola. Il 12 NOVEMBRE, dalle 8 alle 20, lungo tutto il Viale Umberto I: castagne, vino novello, vin brulè, panini, stracciaporte, dolci, bancarelle e tanta musica e animazione per bambini!!!

 

Amandola (Fm): Diamanti a Tavola. 12 novembre ore 16 presentazione del libro “Le Marche con i bambini” http://www.diamantiatavola.it/

 

Sant’Elpidio a Mare (Fm): Festa d’autunno, dalle 15.30, centro storico

 

Acqualagna (PU): 52a fiera nazionale del Tartufo Bianco. Sabato 11 ore 16: Mani in pasta, scuola di cucina per bambini. http://acqualagna.com/programma/

 

Montemontanaro, comune di Montefelcino (PU): A Spass ti vigle, 12 novembre, sapori d’autunno. Passeggiate con gli asinelli, animazione bambini, stand gastronomici

http://www.aspasstivigle.com

 

San Martino nelle Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *