Il bambino iperattivo ed i rimedi della Naturopatia

E’ sorprendente constatare la percentuale dei nostri contemporanei e dei nostri bambini affetti da turbe nervose(ansia, panico,deficit di attenzione, ecc.) o da malattie mentali. Queste turbe vengono quasi sempre esaminate da un punto di vista analitico, mentre sarebbe opportuno studiarle in modo sintetico, cercando di stabilire e definire tutti i dati del problema, cioè tutte le cause delle turbe. 

L’organismo umano è un insieme indivisibile di corpo e mente. Infatti, si potrebbe andare oltre e cercare di dimostrare l’unità del corpo e dello spirito. Una anormalità a un determinato livello dell’essere si ripercuoterà inevitabilmente negli altri livelli. E’ dunque indispensabile considerare la persona come un insieme(l’olismo).
La Naturopatia ha sempre insistito sul fatto che i sintomi delle turbe mentali sono spesso associati ad un’alterazione del sangue, ad uno stato di tossiemia dovuto a insufficiente eliminazione degli scarti cellulari, a un accumularsi delle tossine di cui la vita moderna è molto prodiga(avvelenamento dell’alimentazione, dell’acqua, dell’aria). A questi fattori si aggiungono anche i farmaci ed altri interventi “preventivi”(vaccinazioni, irradiazioni,ecc), concepiti per alleviare i mali dell’umanità ma generatori di squilibri sempre più evidenti nell’ambiente e nell’individuo.

L’iperattività (ipercinesi) è generalmente un disturbo per il quale non esistono cure e molti bambini sono stati messi in classi speciali in modo da non disturbare i loro compagni di scuola “normali”. Tra le cause conosciute ricordiamo l’ereditarietà, il trauma natale, il fumo durante la gravidanza, gli additivi alimentari artificiali, l’avvelenamento da metalli pesanti e come dicevo prima, l’inquinamento ambientale. Tutti gli alimenti, i farmaci, i dentifrici e i cosmetici che contengono coloranti e aromi artificiali come la tartrazina o E 102, dovrebbero essere evitati.

Tuttavia, un trattamento dietetico può aiutare questi bambini a comportarsi di nuovo in maniera normale, con grande sollievo dei genitori.
Il disturbo si manifesta in diversi stadi e anche nella forma più blanda il bambino è in movimento per la maggior parte del tempo. In questo caso è difficile stabilire se il bambino è normale o no.  Il bambino iperattivo può avere anche altri problemi di salute, per esempio allergie, eczemi, catarro e otiti e potrebbe esistere anche un’anamnesi di disturbi simili nella famiglia.  Anche da piccolo il bambino non è mai contento, si lamenta e piange molto spesso, è insoddisfatto, maltratta i giocattoli, passa da uno all’altro senza giocare veramente con nessuno, o li calpesta proprio, senza rendersi conto di cosa stia facendo. Non si impegnerà su una cosa per più di un minuto, come ascoltare una favola o guardare la televisione. Se resta seduto per un po’, sarà comunque nervoso e agitato, magari con le gambe in continuo movimento. Chiunque gli sta intorno sarà coinvolto e i genitori finiranno con l’essere del tutto esausti.

Con il castigo non si otterrà nessun effetto né beneficio. La testa è in continuo subbuglio, il bimbo non sa mai cosa vuole e tanto meno come ottenerlo.
Quando diventa più grande e più forte i genitori perdono anche quel po’ di capacità di controllo che avevano avuto fino ad allora. Molti cominciano a fumare, a bere, si comportano in modo terribilmente asociale e se non si affronta il problema in maniera adeguata una parte finisce in prigione.
Nei rari casi in cui questa iperattività si esaurisce, i soggetti si calmano, ma cominciano a soffrire di acne, depressione, emicrania e altri disturbi, che poi vengono considerati un problema a parte. Fortunatamente non tutti i bambini iperattivi sono una tale rovina.
Per i bambini iperattivi la cura a base di medicine è piuttosto singolare, perché sostanze come barbiturici e tranquillanti hanno l’effetto esattamente opposto: rendono, cioè, il bambino ancora più iperattivo. E’ quasi impossibile far dormire un bambino iperattivo con un sonnifero. 

Il piombo è la sostanza più pericolosa, perché irrita e danneggia il cervello dei bambini. Tuttavia anche il cadmio(se i genitori fumano), il rame e il mercurio svolgono un’azione negativa. Oggi si nutrono dei sospetti anche sull’alluminio. Certi bambini iperattivi reagiscono male al cloro inalato o “bevuto” durante i bagni in piscina. Pure il bagno in casa può essere un problema, quindi riempite la vasca con acqua molto calda, aprite la finestra della stanza da bagno per far uscire il cloro e fate fare il bagno al bambino dopo circa 10 minuti quando l’acqua si è intiepidita. Per bere usate acqua imbottigliata o filtrata piuttosto che acqua del rubinetto.

La maggior parte dei bambini iperattivi ha carenza di alcune vitamine e Sali minerali: zinco, magnesio, manganese e vitamina B6 sono i più comuni. Comunque, quando si è sensibili a certi cibi, sono necessarie più sostanze nutritive, anche quando le allergie alimentari sono state individuate ed eliminate, è bene prendere un integratore completo per almeno due o tre mesi al fine di aiutare il corpo a ricostituire le riserve esaurite. Gli oli di pesce e di enotera si sono rivelati estremamente benefici. Nei bambini iperattivi i livelli di acidi grassi essenziali sono bassi, quindi l’uso di questi oli può determinare un notevole miglioramento. Le tisane con proprietà stimolanti dell’attenzione e delle prestazioni mentali sono i migliori sostituti(insieme ad un alimentazione adatta) delle cure mediche.

Le foglie di Ginkgo (Ginkgo biloba) contengono estratti che aiutano ad aumentare il flusso locale di sangue al cervello e di ossigeno ai tessuti. Il Ginkgo è già noto per i suoi effetti miracolosi sulla crescita dell’attenzione e perché migliora le funzioni cognitive.

Brahmi (Bacopa monnieri),  chiamato anche “l’elisir miracoloso della vita”, ha proprietà antiossidanti, è stato a lungo utilizzato come potenziatore cognitivo in medicina indiana. Esso protegge il cervello dai danni dei radicali liberi, aiuta a regolare il flusso di sangue nel cervello e può stimolare un miglioramento della funzione cognitiva e di apprendimento.
La Centella asiatica (Centella asiatica) riduce i livelli di adrenalina nel sangue durante lo stress ed è stata usata per disturbi cerebrali nervosi e vascolari.
L’Avena verde (Avena sativa) funziona come un tonico nervino e un lieve antispasmodico ed il suo utilizzo può avere effetti simili alla caffeina se la sua somministrazione viene protratta nel tempo.
Il Ginseng siberiano (Eleutherococcus senticosus) stimola l’attività cerebrale e aiuta il cervello ad essere più efficiente, rafforza e rivitalizza il corpo eliminando l’affaticamento.  Esso ha anche un effetto antistress, contrastando in tal modo sia l’ansia dell’ADHD sia la mancanza di attenzione del cervello.
La Scutellaria laterifolia è un tonico nervino ed un ristorativo, aiuta a supportare e rafforzare il sistema nervoso, calma e riduce lo stress, l’ansia e la depressione e nel trattamento dell’ADHD  agisce come un antidolorifico.
Oltre all’ansia, il kawa kawa(una pianta originaria della Polinesia) è stato utilizzato come rimedio naturale contro l’insonnia e così come utile ausilio per combattere l’iperattività nei bambini e conciliare il riposo notturno ai bambini irrequieti ed insonni.

Un aiuto può venire anche dagli oligoelementi, sostanze prive di tossicità e di effetti collaterali, dotati di un’azione rinforzante e riequilibrante. Gli oligoelementi manganese-zolfo associati al litio possono correggere l’eccesso di energia che porta a comportamenti eccessivi o squilibrati.

Anche in casi più complessi e difficili, in presenza di una diagnosi di ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività) i fiori di Bach o Australiani possono essere affiancati a qualunque altra terapia medica o psicologica come utili coadiuvanti.
Tra i fiori di Bach:  Impatiens, Vervain, Cherry Plum, Agrimony, Holly  svolgono un’azione sicuramente positiva sui bambini impazienti, frettolosi, irrequieti e sempre esagitati mentre in caso di distrazione, scarsa memoria, svagatezza e tendenza a stare con la testa tra le nuvole  sono indicati Chestnut Bud + Clematis .
Anche i fiori Australiani offrono rimedi molto efficaci per affrontare le problematiche infantili di vivacità, irrequietezza, problemi di memoria e concentrazione:  Bush Fuchsia + Sundew + Jacaranda + Paw Paw.
Prendendo in considerazione i fiori Californiani: Madia +  Shasta Daisy.

Per un intervento più mirato è sempre necessario approfondire ogni specifico caso sia a livello delle caratteristiche del bambino che dell’ambiente in cui cresce e del tipo di alimentazione.

Se il vostro bambino ha  l’ADHA e mangia poco è necessario osservare attentamente i carboidrati raffinati, i grassi trans nocivi e altri alimenti problematici che consuma, per identificare quello che gli manca e di fornirgli un menu a lui dedicato per calmarlo. Quando si parla di alimentazione, i genitori spesso dicono che loro figlio mangia soltanto hamburger, patitine fritte, dolci e cioccolata, beve aranciate e Coca Cola e aggiungono che se viene privato di queste cose diventa insopportabile. Anche se gustose e allettanti, certe aranciate non sono adatte per i bambini iperattivi, perché la tartrazina che contengono stimola troppo il cervello. Il principio è che il cervello dei bambini viene irritato da una varietà di sostanze.

L’alimentazione è un fattore molto importante e quasi tutti i bambini iperattivi sono allergici ad almeno una categoria di cibi e di solito a più di una.
Quando cominciate la dieta, spiegate al bambino cosa avete intenzione di fare. Probabilmente non vi ascolterà o non capirà, ma voi insistete. Ripeteteglielo di tanto in tanto e spiegategli anche che sono i cibi a provocare il malessere e che non è colpa sua. All’inizio il bambino potrebbe rifiutare qualsiasi cosa, ma non arrendetevi.  La maniera migliore per iniziare è quella di eliminare tutti i possibili “colpevoli” fin dall’inizio, sperando di aver eliminato tutti i cibi dannosi. Eliminate tutti gli additivi dall’alimentazione del bambino. La dieta Feingold, dal nome del medico che l’ha pensata , è priva di coloranti, addensanti, conservanti ed esaltatori di sapidità. Il modo più facile per evitarli è non comprare nessun cibo confezionato. Fate mangiare al bambino solo cibi semplici, verdure crude, alcuni tipi di frutta, cereali integrali, pesce e carne. 

Anche  i salicilati, in alcuni bambini, possono causare reazioni allergiche, quali asma ed eczema, ed  eliminando i salicilati dalla loro dieta, si ottiene un cambiamento di comportamento come anche la scomparsa dei sintomi di asma.

Evitate i latticini con aromi e coloranti(lo yogurt naturale o latte fermentato vanno benissimo). Eliminate gli agrumi, specialmente arance e mandarini. Per un bambino iperattivo può essere letale la miscela d’arance e tartrazina( E102, aggiunta nelle bevande gassate, nelle caramelle alla frutta, nei budini, nelle minestre confezionate, nei gelati, nei chewing gum, nel marzapane, nelle marmellate, nelle gelatine, nella mostarda, nello yogurt).
Evitate gli zuccheri di barbabietola e di canna; controllate molto attentamente che i biscotti, i cereali e i dolci che preparate non contengano zucchero. Dolciumi, gomme da masticare e cioccolata devono essere proibiti. Dal momento che i bambini iperattivi sono particolarmente sensibili ai carboidrati, è raccomandato eliminare dalla loro dieta qualsiasi forma di zucchero raffinato e qualsiasi alimento lo contenga, che si tratti di dolci o farine raffinate. Sostituiteli con alimenti integrali e carboidrati complessi, come il riso integrale ed altri cereali integrali. Abituateli a mangiare vari tipi di semi, noci,consumati da soli o aggiunti nelle insalate, con un frutto o “spolverati” sopra varie pietanze. La maggior parte dei dentifrici comuni contiene zuccheri, dovrete evitare anche quelli acquistando in erboristeria dentifrici naturali privi di qualsiasi forma di zucchero.
Come fanno gli zuccheri a causare questo stato di agitazione nei bambini e negli adulti?
Quando siamo in ipoglicemia come conseguenza della risposta del corpo alla iperglicemia in seguito al consumo di zuccheri, vengono prodotti gli ormoni dello stress e gli ormoni dello stress ci rendono nervosi. Questo avviene perché il corpo non può restare in ipoglicemia, e gli ormoni dello stress comandano al fegato di mettere zucchero nel sangue per cercare di ristabilire la situazione. Ma intanto ci sono comunque gli ormoni dello stress attivi e quindi l’ipoglicemia causa un aumento di produzione di epinefrina e quindi di nervosismo, di agitazione, ansia sia nei bambini che negli adulti.
Diversi studi hanno confermato il ruolo importante anche di un eccesso di proteine sul nervosismo e sull’agitazione.

Anche altri cibi potrebbero essere implicati. Per individuare le possibili cause, dovreste far seguire al bambino una dieta molto limitata, seguita da prove sperimentali di cibi particolari.
Se ci sono miglioramenti, continuate cosi almeno per un mese, poi reinserite nella dieta, uno alla volta, i cibi presumibilmente meno pericolosi. Se il comportamento peggiora di nuovo, eliminateli immediatamente.
Parlate con il bambino, ballate, cantate e leggete insieme, fatelo sentire amato e desiderato! E’ importantissimo!!!

Iuliana Mirza

************


Via Sicilia 108
63821 Porto Sant’Elpidio
Via Arcangeli 21
62100 Macerata
Tel. 333 1282520
************

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *